Di Stefano Bianchi (AIDA – Club dei 27)

Dopo il fiasco subito da “Un giorno di regno”, opera comica alla quale Verdi lavorò nel periodo in cui morirono i due figli e la moglie Margherita Barezzi, il povero Maestro era ormai deciso a rientrare a Busseto ed abbandonare i propositi di diventare un compositore di successo.

L’impresario del Teatro alla Scala, un certo Merelli, che aveva fiducia in lui perché ne aveva intuito le straordinarie capacità, lo invitò a leggere un libretto intitolato Nabucodonosor. Come andarono le cose direttamente da come le raccontò Verdi all’editore ed amico Giulio Ricordi:

“Rincasai e con un gesto quasi violento, gettai il manoscritto sul tavolo, fermandomi ritto in piedi davanti. Il fascicolo cadendo sul tavolo stesso si era aperto: senza saper come, i miei occhi fissano la pagina che stava a me innanzi, e mi si affaccia questo verso: “Va, pensiero, sull’ali dorate”.

Scorro i versi seguenti e ne ricevo una grande impressione, tanto più che erano quasi una parafrasi della Bibbia, nella cui lettura mi dilettavo sempre.

Leggo un brano, ne leggo due: poi, fermo nel proposito di non scrivere, faccio forza a me stesso, chiudo il fascicolo e me ne vado a letto!…Ma sì…Nabucco mi trottava pel capo!…il sonno non veniva. Mi alzo e leggo il libretto, non una volta, ma due, ma tre, tanto che al mattino si può dire ch’io sapeva a memoria tutto quanto il libretto.”

Il giorno dopo Verdi torna però dall’impresario per restituirgli il libretto, affermando che era bellissimo ma che non voleva sapere di musicarlo. E’ sempre Verdi che ci racconta quale fu la reazione dell’impresario:

“Mettilo in musica. Mettilo in musica!

E così dicendo prende il libretto, me lo ficca nella tasca del soprabito, mi piglia per le spalle, e con un urtone mi spinge fuori del camerino; non solo, ma mi chiude l’uscio in faccia con tanto di chiave.

Che fare?

Ritornai a casa col Nabucco in tasca: un giorno un verso, un giorno l’altro, una volta una nota, un’altra volta una frase… a poco a poco l’opera fu composta.”

E quando fu rappresentata ebbe un enorme successo, il primo di una lunga serie.

CATEGORIA
Storie
INDIRIZZO