Di Andrea Alfieri:

Il progredire della scienza medica e l’interesse di nobili e regnati dell’800 aveva spinto lo sviluppo di località termali, la costruzione di alberghi lussuosi, il potenziamento e l’ampliamento di stabilimenti, circondati da splendidi parchi, giardini.

A quei tempi infatti gli stabilimenti termali oltre che ideali per cura e riposo, erano luoghi di salute “alla moda” per incontri sociali, politici e culturali. Erano luoghi di accoglienza dell’elite economica, politica e culturale del tempo, che non mancavano di “passare le acque” e riposarsi, spesso allontanandosi dalle città.

La prima volta di Giuseppe Verdi risulta esser stata nel 1846, quando si reca a Recoaro Terme, piccola località termale nel vicentino. Gli era stato prescritto da un noto medico veneziano, Giacinto Namias che dopo averlo visitato, lo trovò affetto da “febbre gastrica”.

Verdi era arrivato a Venezia qualche mese prima per completare ed allestire Attila, che debuttò alla Fenice il 16 marzo 1846. I ritmi intensi di lavoro uniti a frequenti crisi gastriche e febbri reumatiche, lo avevano però debilitato e provato, al punto che gli vennero prescritti 6 mesi di assoluto riposo. Fu proprio per cercare di risolvere questi problemi che conobbe ed apprezzò gli stabilimenti termali.

A Tabiano Bagni nel comune di Salsomaggiore, a pochi chilometri da Fidenza, Villa Verdi (ex Albergo Grande ed ex residenza privata di Maria Luigia) dove il Maestro trascorse molte estati dal 1858 al 1892.

Preferita a Salsomaggiore perchè più tranquilla ed appartata, Tabiano fu per sette estati più di una semplice meta vacanziera. Le proprietà curative delle acque minerali, ricche di acido solfidrico vennero definite da Giuseppe Verdi “miracolose” in una lettera del 1885.

Dopo alcuni anni di assenza i coniugi Verdi ritornarono a“passare le acque” questa volta a Montecatini. Ormai quasi settantenne, sotto suggerimento dell’amico genovese De Amicis si lasciò convincere a provare le acque “miracolose” della località toscana. Fu tale il giovamento che ne ricevette che continuò a frequentare Montecatini per ben 19 anni, sino al 1900.

CATEGORIA
Storie
INDIRIZZO
Terme di Tabiano
43039 Tabiano Bagni
Italia